Zoografie

Zoografie. La questione dell’animale da Heidegger a Derrida

ZoografieMatthew Calarco
Zoografie
La questione dell’animale da Heidegger a Derrida
a cura di M.Filippi e F.Trasatti

Mimesis / Eterotopie
Anno 2012
14,00 euro

Matthew Calarco, attraverso la rilettura dell’animalità dal punto di vista di alcuni tra i maggiori pensatori continentali contemporanei, Heidegger, Lévinas, Agamben e Derrida, mette a nudo il fondamento antropocentrico della tradizione filosofica occidentale per rendere possibile una riflessione che si confronti con le molteplici differenze dei mondi animali senza ridurli a oggetti di pensiero o a soggetti del dominio. Se il crescente interesse per gli animali troppo spesso si traduce in facile spettacolarizzazione o in abuso pubblicitario, Calarco indica invece la necessità di cogliere la centralità della questione dell’animale per comprendere il nostro essere uomini e donne in questa società, per definire cosa sia l’umano, quali siano i nostri fini e come si deve declinare la fine del nostro dominio sul vivente.

Matthew Calarco insegna filosofia continentale e filosofia ambientale presso la California State University (Fullerton). Oltre a Zoografie, ha curato, in collaborazione con Peter Atterton e Maurice Friedman, Lévinas and Buber: Dialogue and Difference (Pittsburgh 2004) e Radicalizing Lévinas (Albany 2010).

Massimo Filippi si occupa di neuroscienze e filosofia e ha pubblicato Ai confini dell’umano. Gli animali e la morte (Verona 2010) e I margini dei diritti animali (Aprilia 2011). Per Mimesis, in collaborazione con Filippo Trasatti, ha curato Nell’albergo di Adamo. Gli animali, la questione animale e la filosofia (Milano 2010).

Filippo Trasatti, docente di filosofia e storia in un Liceo del milanese, è autore di Lessico minimo di pedagogia libertaria (Milano 2004), Contro natura (Milano 2008) e, per Mimesis, di Leggere Deleuze, attraversando Mille piani (Milano 2010).

Non è possibile lasciare nuovi commenti.